Cambio di residenza

Materia: 
Riferimenti
Ufficio: 
Ufficio Anagrafe e notifiche
Telefono: 
0586 820458
Fax: 
0586 518056
Indirizzo: 
Piazza del Municipio, 50 - Palazzo nuovo
Orario di apertura: 
Da lunedì a venerdì 9:00 - 13:00, martedì e giovedì (solo su appuntamento) anche 15:30 - 17:30 agosto escluso
Responsabile
Responsabile del procedimento: 
Lodovica Lanzotti
Telefono: 
0
Descrizione
L'art. 5 del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito in legge 4 aprile 2012, n. 35, ha introdotto nuove disposizioni in materia anagrafica, riguardanti le modalità con le quali effettuare le dichiarazioni anagrafiche di cui all'art. 13, comma 1, letto a), b) e c) del decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n. 223 nonché il procedimento di registrazione e di controllo successivo delle dichiarazioni rese. Tali disposizioni sono entrate in vigore dal 9 maggio 2012 (art. 5, comma 6).
 
E' possibile effettuare le seguenti dichiarazioni anagrafiche:
  • Cambio di abitazione all'interno del Comune;
  • Iscrizione anagrafica con provenienza da altro comune;
  • Iscrizione anagrafica con provenienza dall'estero;
  • Emigrazione all'estero.
Alla dichiarazione deve essere allegata, pena la irricevibilità della stessa, copia del documento d'identità del richiedente e delle persone che trasferiscono la residenza unitamente al richiedente che, se maggiorenni, devono sottoscrivere il modulo.
L'art. 55 del D.Lgs. 28/12/2013 n. 154 stabilisce che le decisioni di maggiore interesse per i figli relative all’istruzione, all’educazione, alla salute e alla scelta della residenza abituale del minore devono essere assunte di comune accordo, tenendo conto delle capacità, dell’inclinazione naturale e delle aspirazioni dei figli e dispone altresì che in caso di disaccordo la decisione è rimessa al giudice.
In caso di cambio di residenza di un solo genitore con figli minori o di minori che cambiano residenza non contestualmente ai genitori, alla dichiarazione di residenza deve essere allegato il modulo relativo “all’assenso del genitore che non si trasferisce".
Il cittadino di Stato non appartenente all'Unione Europea deve allegare la documentazione indicata nell' allegato A) del sito del Ministero dell'Interno (e disponibile su questa pagina). Il cittadino di Stato appartenente all'Unione Europea deve allegare la documentazione indicata nell' allegato B) del sito del Ministero. La mancanza della documentazione indicata nei rispettivi allegati A) e B) rende la dichiarazione di residenza irricevibile. Ai fini della registrazione in anagrafe del rapporto di parentela con altri componenti della famiglia,il cittadino deve, altresì, allegare la certificazione originale, in regola con le disposizioni in materia di traduzione e legalizzazione dei documenti.
 
In caso di dichiarazioni mendaci l'art. 5 comma 4 del D.L. 9 febbraio 2012, n. 5 prevede che in caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero si applicano gli articoli 75 e 76 del D.P.R. n. 445/2000, i quali dispongono rispettivamente la decadenza dai benefici acquisiti per effetto della dichiarazione, nonché il rilievo penale della dichiarazione mendace. Il comma 4 ribadisce inoltre quanto già previsto dall'art. 19, c. 3, del D.P.R. n. 223/1989, in merito alla segnalazione alle autorità di pubblica sicurezza delle discordanze tra le dichiarazioni rese dagli interessati e gli esiti degli accertamenti esperiti. Inoltre la norma prescrive, in caso di non rispondenza allo stato di fatto, il ripristino delle registrazioni anagrafiche antecedenti alla data della dichiarazione resa.

LOTTA ALL'OCCUPAZIONE ABUSIVA DI IMMOBILI
Il D.L. 28/03/2014 n. 47 "Misure urgenti per l'emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015", entrato in vigore il 29/03/2014 all'art 5 prevede che: "Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza né l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge." Di seguito riportiamo le istruzioni per la presentazione della dichiarazione.

Moduli
Allegati
Costi e modalità di effettuazione dei pagamenti

Il servizio è gratuito.

Modalità di presentazione
I moduli per il cambio di residenza possono essere inoltrati attraverso una delle seguenti modalità (art. 38 del D.P.R. n. 445/2000):
  • personalmente agli sportelli:
    1. U. Anagrafe – Piazza del Municipio 50, orario da lunedì a venerdì ore 9.00-13.00; su appuntamento martedì e giovedì ore 15.30-17.30 (agosto escluso);
    2. limitatamente per il cambio di abitazione all'interno del Comune, anche ai Centri Servizi Area Nord, Piazza Saragat 1, e Area Sud, Via Machiavelli 21, solo su appuntamento nelle mattine da lunedì a venerdì e nei pomeriggi di martedì (Area Sud) e giovedì (Area Nord) (agosto escluso).
  • per raccomandata indirizzata a: Comune di Livorno,  U. Anagrafe - Piazza del Municipio 50, 57123 Livorno
  • per Fax al numero 0586 518056
  • per via telematica all'indirizzo e-mail: anagrafe@comune.livorno.it
  • per PEC: comune.livorno@postacert.toscana.it
Queste due ultime possibilità sono consentite ad una delle seguenti condizioni:
  • che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;
  • che l'autore sia identificato dal sistema informatico con l'uso della carta d'identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l'individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione;
  • che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella PEC del dichiarante;
  • che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento d'identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmesse tramite posta elettronica semplice.

Per informazioni telefonare allo 0586 820458 oppure 0586 820448

Gli appuntamenti possono essere prenotati telefonicamente  da lunedì a venerdì ore 9.00-13.00, martedì e giovedì ore 15.30-17.30 presso URP - Ufficio Relazioni con il Pubblico, Piazza del Municipio 1 piano terreno, tel. 0586 820204/5  o presso i Centri Servizi al cittadino Area Nord Piazza Saragat 1,  tel 0586 824811 e Area Sud Via Machiavelli 21, tel 0586 824920 oppure presi on line tramite lo "Sportello del cittadino" nella Rete Civica del Comune di Livorno. Vedi link sotto riportato.

Tempi del procedimento
A seguito della dichiarazione resa con le modalità di cui sopra, l'U. Anagrafe rilascia documentazione attestante l’avvio del procedimento, e comunque entro i 2 (due) giorni successivi provvede a registrare le conseguenti variazioni, con decorrenza dalla data di presentazione della dichiarazione medesima.
Dal momento della registrazione (entro i 2 giorni lavorativi successivi), si potranno ottenere certificati di residenza, stato di famiglia e le altre certificazioni relative a dati già in possesso dell'Ufficio. Solo dopo la cancellazione dal comune di precedente iscrizione anagrafica, in caso di iscrizione per "immigrazione", si potranno ottenere tutti gli altri certificati anagrafici.
Accertamento dei requisiti.
L'Ufficiale d'Anagrafe provvede in ogni caso ad accertare la sussistenza dei requisiti previsti per l'iscrizione o la registrazione dei cambiamenti di abitazione. Qualora trascorsi 45 giorni dalla presentazione della dichiarazione resa o inviata, lo stesso U. Anagrafe non effettuerà la comunicazione dei requisiti mancanti, ai sensi dell'art. 10-bis della Legge 241/1990, l'iscrizione (o la registrazione) si intenderà confermata.
  • In caso in cui il procedimento di cambio di residenza si concluda positivamente, il comune NON trasmetterà alcuna comunicazione all’interessato.
  • In caso di mancanza dei requisiti o di accertamenti negativi da parte del vigile, l’U. Anagrafe provvederà a comunicare l’esito negativo al cittadino. L’interessato avrà tempo 10 giorni per presentare le proprie osservazioni.
  • In caso di mancato accoglimento della richiesta, il comune provvederà a ripristinare la posizione anagrafica precedente, annullando l’iscrizione, e denunciare il dichiarante alle autorità di pubblica sicurezza. Il dichiarante decade dai benefici nel frattempo conseguiti e dovrà rispondere di false dichiarazioni.
Atto finale

La conferma della iscrizione anagrafica viene emessa dall’Ufficiale d’Anagrafe delegato dal Sindaco.
In caso di elementi negativi emersi nel corso dell’istruttoria, l’interessato viene invitato ad inviare chiarimenti ed informazioni con nota scritta (cosiddetto preavviso di rigetto) ex art. 10 bis L. 241/1990 a firma della Posizione Organizzativa “Anagrafe e Notifiche”.
L’eventuale diniego d’iscrizione e ripristino della posizione anagrafica precedente è espresso con determina a firma del Dirigente del Settore Anagrafe e demografico.

Normativa di riferimento

Legge n. 1228 del 24 dicembre 1954 - Ordinamento delle anagrafi della popolazione;
DPR n. 223 del 30 maggio 1989 - Regolamento anagrafico;
DPR n. 575 del 19 aprile 1994 - Regolamento recante la disciplina dei procedimenti per il rilascio e la duplicazione della patente di guida di veicoli;
DPR n. 610 del 16 dicembre 1996 - Regolamento recante modifiche al dpr del 16 dicembre 1992, n. 495;
DL 9 febbraio 2012, n. 5, convertito in legge 4 aprile 2012, n. 35;

Ultima modifica: 
Mercoledì, 14 Giugno, 2017 - 11:52