Carta di Identità Elettronica (C.I.E.)

Materia: 
Riferimenti
Ufficio: 
Ufficio Anagrafe e notifiche
Telefono: 
0586 820127
Fax: 
0586 518056
Indirizzo: 
Piazza del Municipio, 50 - Palazzo nuovo
Orario di apertura: 
Da lunedì a venerdì 9:00 - 13:00, martedì e giovedì anche 15:30 - 17:30 agosto escluso; sabato solo per appuntamento;
Responsabile
Responsabile del procedimento: 
Lodovica Lanzotti
Telefono: 
0
Descrizione
Presso gli sportelli dell' Anagrafe Centrale e dei Centri Servizi Area Nord e Area Sud, viene rilasciata la nuova Carta di Identità Elettronica (CIE) che viene spedita dal Ministero dell’Interno all’indirizzo del titolare in sei giorni lavorativi.
Il Comune diventa quindi punto di ricezione della richiesta e non più del rilascio.
​Presso l’Uff. Anagrafe sede centrale funzionano tre postazioni informatiche e una postazione ciascuna  presso i Centri Servizi Area Nord e Area Sud idonee ad acquisire i dati del cittadino e inviarli al centro nazionale per i servizi demografici.
In questa prima fase è possibile per il Comune rilasciare sia la carta di identità elettronica sia quella cartacea. Per quest’ultima il rilascio resta immediato. Le carte di identità in formato cartaceo, rilasciate fino all'emissione della CIE, mantengono comunque la propria validità fino alla scadenza.
Per ottenere la nuova Carta d'Identità Elettronica (CIE) occorre essere residenti nel Comune di Livorno, avere registrato il codice fiscale convalidato dall'anagrafe tributaria ed essere inseriti nell'indice nazionale delle anagrafi (I.N.A.).
La Carta d’identità è un documento di riconoscimento che può essere rilasciato alle persone residenti nel Comune o che sono temporaneamente dimoranti (in tal caso previo nulla osta del Comune di residenza).
Dal 14 maggio 2011 (D.L. 70 del 13/05/2011) la carta d'identità può essere rilasciata anche ai minori di 15 anni, ma ha una validità differenziata a seconda dell'età del titolare nel seguente modo:
  • da 0 a minore di 3 anni la carta ha validità di tre anni;
  • da 3 anni a 18 anni la carta ha validità di 5 anni;
  • per i maggiori di anni 18 la carta ha validità 10 anni. 
Per i cittadini italiani maggiorenni che lo richiedono e rendono le necessarie dichiarazioni di assenza di cause ostative, può avere anche validità per l’espatrio nei Paesi che la riconoscono come titolo equipollente al passaporto.
Per i cittadini minori di 18 anni o interdetti, la carta d'identità può essere resa valida per l'espatrio con l'assenso di entrambi i genitori o del tutore o nulla osta del giudice tutelare (la qualità di genitore o tutore può essere anche autocertificata).  In caso di rifiuto all’assenso da parte di un genitore, è possibile supplire a ciò mediante l’autorizzazione del Giudice Tutelare. In caso di genitori separati legalmente, divorziati, celibi o nubili, l'autorizzazione del Giudice Tutelare non è però necessaria quando il richiedente abbia l'assenso dell'altro genitore o quando sia titolare esclusivo della potestà sul figlio (Legge 1185 del 21/11/67 art. 3 comma b).
Il D.L. n. 1/2012 ha stabilito che nella carta d’identità valida per l’espatrio rilasciata ai minori di quattordici anni si può riportare, a richiesta, il nome dei genitori o di chi ne fa le veci. L’uso della carta ai fini dell’espatrio dei minori di anni quattordici è subordinato comunque alla condizione che essi viaggino in compagnia di uno dei genitori o di chi ne fa le veci, o che venga menzionato, in una dichiarazione rilasciata da chi può dare l’assenso o l’autorizzazione all’espatrio, il nome della persona, dell’ente o della compagnia di trasporto a cui i minori vengono affidati. Tale dichiarazione deve essere convalidata dalla Questura o dalle autorità consolari in caso di rilascio all’estero.
Il rinnovo della carta d’identità può essere richiesto a partire dal 180° giorno precedente la scadenza.
Il D.L. n. 5/2012 ha stabilito che le carte d’identità rilasciate a partire dal 10/02/2012 riporteranno la scadenza corrispondente al giorno del compleanno del titolare successivo alla scadenza decennale altrimenti prevista per il medesimo documento.
In caso di impossibilità fisica di presentarsi allo sportello, è prevista la possibilità di ricevere, presso il domicilio indicato nella richiesta, il rilascio della carta tramite i messi comunali entro il termine di sei giorni lavorativi. La richiesta deve essere accompagnata dalla carta d'identità in possesso del cittadino e dal pagamento. Il cittadino che non sia in possesso della carta d'identità deve esibire la denuncia di smarrimento ed essere poi identificato dal messo comunale in presenza di un testimone.

 

Allegati
Costi e modalità di effettuazione dei pagamenti

La Giunta comunale con delibera n. 431 del 13/09/2016  ha previsto che il costo del documento è di € 22,20 per il primo rilascio. Il duplicato in caso di smarrimento, furto, deterioramento costa € 27,30.

Modalità di presentazione

La Carta di identità elettronica può essere richiesta presso il proprio Comune di residenza o presso il Comune di domicilio.
Il richiedente, munito di codice fiscale o tessera sanitaria, deve presentarsi presso:

  • Ufficio Anagrafe, Piazza del Municipio 50;
  • Centro Servizi al cittadino Area Nord, Piazza Saragat 1;
  • Centro Servizi al cittadino Area Sud, Via Machiavelli 21.

Orario: da lunedì a venerdì ore 9.00-13.00, martedì e giovedì ore 15.30-17.30 escluso agosto
Il richiedente deve presentarsi all'Ufficio Anagrafe (da lunedì ore 9.00-13.00) con un documento d'identità valido o con la precedente carta d'identità e consegnare una fotografia  in formato cartaceo o elettronico, su un supporto USB. La fototessera dovrà essere dello stesso tipo di quelle utilizzate per il passaporto. Le indicazioni su come effettuare correttamente la foto sono disponibili nella sezione “Modalità di acquisizione foto”.
Nella mattina del sabato (solo per l'U.Anagrafe) e nei pomeriggi di martedì e giovedì (ore 15.30-17.30 agosto escluso) il servizio viene erogato soltanto previa prenotazione da richiedere a sportello o telefonicamente, dal lunedì al venerdì ore 9.00- 13.00; martedì e giovedì ore 15.30-17.30 agosto escluso, a:

  • URP-Ufficio Relazioni con il Pubblico, Piazza del Municipio 1, piano terreno, tel. 0586 820204 - 820205;
  • Centro Servizi al cittadino Area Nord, Piazza Saragat 1, tel. 0586 824811;
  • Centro Servizi al cittadino Area Sud, Via Machiavelli 2, tel. 0586 824920.

L'appuntamento per la prenotazione può essere preso on line attraverso lo "Sportello del cittadino" nella rete Civica del Comune >sezione Servizi on line. Vedi link sotto riportato.

  •  In caso di primo rilascio occorre un altro documento di riconoscimento equipollente (patente di guida, passaporto, porto d'armi ecc.) in corso di validità.
  •  In caso di rinnovo o deterioramento del vecchio documento è prevista la consegna di quest’ultimo. 
  •  L'ufficiale d'anagrafe procede con l’acquisizione delle impronte digitali, secondo le modalità consultabili a questo indirizzo “Modalità di acquisizione impronte”.
  •  Il cittadino può fornire, se lo desidera, il consenso ovvero il diniego alla donazione degli organi.
  •  Infine si procede con la firma del modulo di riepilogo procedendo altresì alla verifica finale sui dati.
Tempi del procedimento

Il cittadino riceverà la CIE all’indirizzo indicato nel modulo  entro 6 giorni lavorativi dalla richiesta. Una persona delegata potrà provvedere al ritiro del documento, purché le sue generalità siano state fornite all’operatore comunale al momento della richiesta.
Nel caso di impossibilità del cittadino a presentarsi allo sportello del Comune a causa di malattia grave o altre motivazioni (reclusione, appartenenza ad ordini di clausura, ecc.), un suo delegato (ad es. un familiare) deve recarsi presso il Comune con la documentazione attestante l’impossibilità a presentarsi presso lo sportello. Il delegato dovrà fornire la carta di identità del titolare o altro suo documento di riconoscimento, la sua foto e il luogo dove spedire la CIE. Effettuato il pagamento, concorderà con l’operatore comunale un appuntamento presso il domicilio del titolare, per il completamento della procedura.
In caso di smarrimento della CIE, il cittadino è tenuto a sporgere regolare denuncia presso le forze dell’ordine; successivamente, contattando il servizio di supporto del Ministero dell’Interno, potrà richiedere l’interdizione del suo documento. La richiesta di rinnovo dovrà essere presentata sempre presso il proprio Comune di residenza o dimora.

Atto finale

Rilascio nuova Carta di Identità elettronica (C.I.E.).

Normativa di riferimento

Decreto Ministeriale del 19/07/2000;
Legge 31/03/2005 n. 43;
Circolare 26/6/2008 n. 8;
Decreto legge 25/06/2008 n. 112.

Note

In caso di espatrio con figli di età inferiore ai 14 anni, al fine di semplificare i controlli alla frontiera, è preferibile per il minore essere in possesso della carta d'identità cartacea. In caso di possesso di C.I.E. è consigliato munirsi di un estratto di nascita con le generalità complete che comprovi la potestà genitoriale sul minore.

Ultima modifica: 
Venerdì, 7 Aprile, 2017 - 13:02